Seleziona la tua lingua

8100 ingrid Drive, Elgin TX 78621 +1 (512) 772-1972 info@ewcmi.us Sun-Fri 10:00 - 16:00H CST

Uccidere il Tempo è Assassinare le Opportunità

Categoria: Pubblicazioni italiane
Read Time: 7 mins
Visite: 165

Uccidere il Tempo è Assassinare le Opportunità

Non preoccuparti ora, "Uccidere il tempo è sempre assassinare le opportunità." Sì, "Non preoccuparti!" Ma, approfondendo questo concetto, troviamo una verità profonda che risuona con il nostro cammino cristiano.

Cari amici, oggi vengo a voi con un messaggio urgente, un messaggio che pesa pesantemente sul mio cuore: "Uccidere il tempo è sempre assassinare le opportunità." Questa frase, sebbene sembri semplice, porta con sé implicazioni profonde, specialmente per noi come cristiani. È un promemoria vivente che il nostro tempo è un dono prezioso da Dio, da non sprecare o prendere alla leggera.

La sovranità di Dio sulle nostre vite è una verità innegabile, e in questo contesto divino, troviamo la nostra libertà e responsabilità di usare il nostro tempo saggiamente. Non si tratta di cedere all'ansia, ma di abbracciare l'amministrazione dei nostri momenti. Come è scritto in

Efesini 5:16 (TLV)

16 Sfruttate al massimo il tempo, perché i giorni sono malvagi.

Nel nostro cammino quotidiano con il Signore, ogni istante è un'opportunità per glorificarLo, crescere nella nostra fede e diffondere il Suo amore. Quando "uccidiamo il tempo", stiamo essenzialmente voltando le spalle a queste opportunità divine. Questa consapevolezza dovrebbe spingerci all'azione, non alla disperazione. Perché, in effetti, Dio è al comando, e questa verità è la nostra luce guida. Tuttavia, riconoscere la sovranità di Dio non ci esime dalla nostra responsabilità di usare il nostro tempo saggiamente.

Considerate la parabola dei talenti in

Matteo 25:14-30.

Parabola dei talenti

14 "Perché è come un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e affidò loro i suoi beni. 15 A uno diede cinque talenti, a un altro due, e a un altro uno, a ciascuno secondo la sua capacità. Poi partì.

16 "Subito, colui che aveva ricevuto i cinque talenti andò a lavorarli e ne guadagnò altri cinque. 17 Allo stesso modo, colui che ne aveva due ne guadagnò altri due. 18 Ma colui che ne aveva ricevuto uno andò a scavare nella terra e nascose il denaro del suo padrone.

19 "Dopo molto tempo, il padrone di quei servi tornò e regolò i conti con loro. 20 Colui che aveva ricevuto i cinque talenti si avvicinò e portò altri cinque talenti, dicendo: 'Signore, mi hai affidato cinque talenti. Ecco, ne ho guadagnati altri cinque.' 21 Il suo padrone gli disse: 'Ben fatto, servo buono e fedele! Sei stato fedele nel poco, ti affiderò molto. Entra nella gioia del tuo padrone!'

22 "Anche colui che aveva ricevuto i due talenti si avvicinò e disse: 'Signore, mi hai affidato due talenti. Ecco, ne ho guadagnati altri due.' 23 Il suo padrone gli disse: 'Ben fatto, servo buono e fedele! Sei stato fedele nel poco, ti affiderò molto. Entra nella gioia del tuo padrone!'

24 "Poi si avvicinò colui che aveva ricevuto il talento singolo e disse: 'Signore, sapevo che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparpagliato. 25 Così ho avuto paura, e sono andato a nascondere il tuo talento nella terra. Ecco, hai ciò che è tuo.'

26 "Ma il suo padrone rispose: 'Servo malvagio e pigro! Sapevi che mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparpagliato? 27 Allora avresti dovuto affidare il mio denaro ai banchieri, e al mio ritorno avrei ritirato il mio con interesse. 28 Prendete quindi il talento da lui e datelo a colui che ha i dieci talenti. 29 Perché a chiunque ha, sarà dato di più, e avrà in abbondanza. Ma a chi non ha, anche ciò che ha gli sarà tolto. 30 E gettate il servo inutile nelle tenebre esterne, dove ci sarà pianto e stridore di denti.'"

 

Il padrone affida i suoi beni ai suoi servi, aspettandosi che li usino in modo produttivo. Al suo ritorno, i servi che hanno usato saggiamente i loro talenti sono ricompensati, mentre quello che non ha fatto nulla con il suo talento è rimproverato. Questa parabola ci insegna che Dio si aspetta che usiamo il tempo e le risorse che ci ha dato per la Sua gloria. Considerate le parole dell'apostolo Paolo in 1 Corinzi 6:19-20 (AMP), che ci ricordano che i nostri corpi sono templi dello Spirito Santo, un dono da Dio. Non siamo di noi stessi; siamo stati comprati a un prezzo.
1 Corinzi 6:19-20 (AMP)

19 Non sapete che il vostro corpo è il tempio (il santuario stesso) dello Spirito Santo che vive in voi, che avete ricevuto [come un dono] da Dio?

Non siete di voi stessi, 20 Siete stati comprati a un prezzo [acquistati con una preziosità e pagati, fatti Suoi]. Quindi, onorate Dio e glorificateLo nel vostro corpo.

Quando c'è tempo per sedersi, ci può essere tempo per leggere su Dio, o guardare un film ispiratore, o ascoltare musica grandiosa e divina.

I nostri corpi, e per estensione il nostro tempo, non ci appartengono. Sono doni di Dio, e siamo chiamati a usarli per la Sua gloria. Questo non significa che dobbiamo essere costantemente in movimento o impegnati in attività religiose. C'è un tempo per tutto sotto il cielo, come scrive l'Ecclesiaste. Ma significa che dobbiamo essere intenzionali nel nostro uso del tempo, cercando di onorare Dio in tutto ciò che facciamo.

In conclusione, fratelli e sorelle, vi esorto a riflettere su come usate il vostro tempo. Non lasciate che le opportunità di glorificare Dio, crescere nella fede e servire gli altri vi sfuggano. Ricordate, "Uccidere il tempo è sempre assassinare le opportunità." Cercate di usare ogni momento per la gloria di Dio, perché alla fine, è il modo in cui usiamo il nostro tempo che definisce il nostro cammino con Lui.

Che Dio vi benedica e vi guidi nella gestione del tempo. Amen.

Sermon Notes by Pastor Christiaan J. de Ruiter are licensed under CC BY-NC-SA 4.0

 

Nota: Il contenuto fornito qui rappresenta gli appunti fondamentali per un sermone o un insegnamento, e non deve essere frainteso come una trascrizione completa o un sermone completamente articolato.

È nostra profonda convinzione che lo Spirito Santo operi attraverso il predicatore, guidando e ispirando la consegna per risuonare con le necessità e le convinzioni della congregazione.

Queste note di solito formano la base per un sermone o un insegnamento di 30 a 45 minuti, permettendo alla guida dello Spirito Santo di modellare il messaggio specifico e l'applicazione ai credenti radunati. L'essenza di questi insegnamenti non è solo nelle parole scritte, ma nella consegna ispirata e nella connessione con la congregazione, guidata dallo Spirito.

 

 

Webmaster

Privacy Policy

GDPR Privacy Policy

(c) EWCMI 2009-2023 Terms of Use
All Donations, Seeds, and Tithes to Eagle Wings Charismatic Ministries International are tax deductible per the Internal Revenue Code 501(c)(3) Public Charity Status 170(b)(1)(A)(i) DLN 17053243329039
  Site Seal

Login