Seleziona la tua lingua

8100 ingrid Drive, Elgin TX 78621 +1 (512) 772-1972 info@ewcmi.us Sun-Fri 10:00 - 16:00H CST

3dflags nld1 3

A white cup of aromatic coffee on a wooden table. Beautiful latte art.

Più pubblicazioni in italiano

In futuro saranno aggiunte più pubblicazioni in italiano. Vogliamo espandere la nostra offerta per offrire ai nostri lettori italiani una selezione più ampia di contenuti. Continuiamo a crescere e ci impegniamo a offrire un'esperienza di lettura arricchente per tutti coloro che scoprono le nostre pubblicazioni in italiano.

 

 

 

Categoria: Teologia italiana
Read Time: 21 mins
Visite: 31

Titolo: Unirsi alla Comunione

Tema: Lo Spirito Santo, Il Fuoco del Raffinatore

 

Unirsi alla Comunione

Unirsi alla comunione Cosa significa? Facile, difficile, appena sufficiente, meraviglioso, fermarsi e andare, cadere e rialzarsi di nuovo, inciampare in avanti. Queste sono solo alcune idee e risposte che si possono sentire dalle persone che si integrano in una nuova società. Persone che imparano nuovi costumi, cercando di capire perché fare questo fosse normale nel vecchio paese e non nel nuovo. Perché fare ciò offende le persone mentre nessuno nel vecchio paese ci avrebbe nemmeno prestato attenzione.

Multiracial happy friends having fun outdoor in the city - Main focus on african curvy man

Forse hai sperimentato un po' di questo quando ti sei trasferito da uno stato all'altro, ma puoi solo immaginare la differenza, o diciamo anche lo shock culturale che si prova quando ci si sposta da un continente o da una cultura all'altra. Possiamo vederlo, ad esempio, nel popolo olandese nel nord-est o in Australia che si attiene alle vecchie usanze nei club olandesi e nei quartieri completi immersi nelle vecchie usanze. Personalmente, sono dell'opinione che questo sia il modo sbagliato di fare le cose. Quando emigri in un nuovo paese, devi attenerti e adattarti alle regole legali e sociali di quella comunità. Anche se potrebbe effettivamente essere stato uno shock culturale per me, un ex olandese che sta ancora imparando, anche dopo 25 anni in questo meraviglioso paese degli Stati Uniti d'America, dovrebbe esserlo anche per chiunque si sposti in un nuovo ambiente.

Questa è una continua ricerca e cambiamento che dovremmo anche sperimentare nella nostra vita personale riguardo alla santità. Noi, come cristiani, siamo chiamati a una vita di santità, ed è uno shock piuttosto grande per molti. Fortunatamente, abbiamo un meraviglioso allenatore e guida.

Giovanni 14:16-17 (Amplified Bible)

"Ed io chiederò al Padre ed Egli vi darà un altro Consolatore (Consigliere, Aiuto, Intercessore, Avvocato, Fortificatore e Sostegno) perché possa rimanere con voi per sempre: lo Spirito della Verità, che il mondo non può ricevere (accogliere, prendere a cuore), perché non lo vede né lo conosce. Ma voi lo conoscete e lo riconoscete, poiché Egli vive con voi [costantemente] e sarà in voi."

Siamo chiamati cristiani, che inizialmente era un soprannome dato a coloro che seguivano Yeshuah come il Messia. Significa i piccoli cristiani. Gesù ci ha dato questa Guida, questo consigliere, aiutante, intercessore, avvocato, fortificatore e sostegno affinché potessimo imparare, crescere e rimanere forti, persino dire le parole giuste al momento giusto.

Luca 12:11-12 (Amplified Bible)

“And when they bring you before the synagogues and the magistrates and the authorities, do not be anxious [beforehand] how you shall reply in defense or what you are to say. For the Holy Spirit will teach you in that very hour and moment what [you] ought to say.”

No, non per qualche interessante trucco magico, o come modo di parlare in lingue. Lo Spirito Santo agiterà le nostre anime, agiterà le nostre menti e ci aiuterà a trovare le parole giuste al momento giusto, ci aiuterà a comprendere, a aggregare e diffondere le informazioni necessarie nel Regno del Signore e nel nostro cammino verso una vita di Santità.

I pensieri per il messaggio di oggi hanno continuato a riversarsi nella mia mente ieri, la scorsa notte e anche oggi. Non credo che quando ci sono parole da dire lo Spirito Santo ci lasci lì con le mani vuote.

Il Fuoco dello Spirito Santo su tutti coloro che camminano su quella Autostrada di Santità, quella strada diritta attraverso il deserto, l'Autostrada del nostro Dio YhWh. Isaia lo ha gridato, Giovanni il Battista l'ha ripetuto.

Matteo 3:2-3 (Common English Bible)

"Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino! Egli era colui di cui parlava Isaia il profeta quando disse: La voce di uno che grida nel deserto: "Preparate la via per il Signore, fate retti i suoi sentieri."

In quell'Autostrada verso la comprensione, quell'Autostrada di Santità, quell'Autostrada di Giustizia, quell'Autostrada di Onestà, Frugalità, Autosufficienza in Cristo. Su quell'Autostrada, viaggiamo verso la Nuova Yerushalayim, la Nuova Gerusalemme, Sion. Oh, che meraviglioso viaggio sarà quest'anno insieme sulla strada per vedere Gesù, per essere nella presenza di Elohim.

Quindi permettiamo a tutti di avere comunione insieme, proprio qui in questo momento. Condividendo sull'Autostrada del nostro Dio, condividendo il sacrificio dell'agnello, condividendo il Suo corpo, condividendo il Suo sangue.

Comunione

Ora che abbiamo condiviso questa meravigliosa esperienza di Santa Comunione, possiamo continuare sulla strada della comprensione. Quando è già difficile comprendere le cose che stanno accadendo in una cultura diversa o nuova nei nostri giorni, molte volte come seguaci di Cristo, siamo ancora più in difficoltà quando cerchiamo di capire le Usanze e i modi di Dio. Molti pensieri e cose che abbiamo accettato ma non comprendiamo ancora.

Quest'anno che sta arrivando ci stiamo muovendo avanti su questa strada e vedremo cambiamenti e progressi significativi in questa comprensione. Quindi non esitiamo e camminiamo avanti. L'anno scorso abbiamo toccato più volte l'alleanza tra Abramo e Dio, la 1a alleanza, e tutto il simbolismo che vi era coinvolto. Torniamo indietro e diamo un'occhiata veloce a un particolare aspetto di questa sigillatura cerimoniale dell'alleanza.

Quando Abramo si addormentò, Dio passò attraverso il sacrificio come un forno e una torcia.

Genesi 15:12-17 (Amplified Bible)

"Quando il sole stava tramontando, un profondo sonno colse Abram, e un terrore (un terrore, un timore tremente) di grande oscurità lo assalì e lo oppresse. E [Dio] disse ad Abram: Sappi positivamente che i tuoi discendenti saranno stranieri che dimorano come temporanei in una terra che non è la loro [Egitto], e saranno schiavi là e saranno afflitti e oppressi per 400 anni. [Esausta in Exod. 12:40.] Ma io giudicherò quella nazione che essi serviranno, e dopo saranno con grandi possedimenti. E tu andrai dai tuoi padri in pace; sarai sepolto in una buona vecchia (incanutimento) età. E nella quarta generazione essi [i tuoi discendenti] torneranno qui [a Canaan] di nuovo, poiché l'empietà degli Amorrei non è ancora piena e completa. Quando il sole era tramontato e una [spessa] oscurità era venuta, ecco, un forno fumante e una torcia fiammeggiante passarono tra quei pezzi."

Come Derek Prince lo scrisse così splendidamente: Ebrei dice che un'alleanza non è valida finché gli uomini restano in vita. È necessaria la morte per rendere valida l'alleanza. Allora pensa solo a quel forno fumante e a quella torcia infuocata. Che oscurità è venuta su Abramo in quel momento. Non solo l'oscurità della notte, ma l'oscurità del fumo del forno. Ma in mezzo a quella oscurità, c'era solo una cosa che portava luce. Quella torcia fiammeggiante. Quella torcia fiammeggiante ci ricorda delle sette lampade di fuoco davanti al trono che Giovanni vide nell'Apocalisse 4. È Dio nella persona dello Spirito Santo. Quindi Dio stesso discese e passò attraverso quei pezzi. Non ti stupisce che Dio si sia spinto a tali estremi e sia stato così definito e così specifico e, in un certo senso, così concreto, per entrare in una relazione personale con un uomo? Il forno di Dio può essere visto anche come il forno del fuoco del raffinatore, tutta la Politeismo di Abramo è stata bruciata nel forno e l'oscurità della notte ma anche l'oscurità della sua anima senza Dio lo ha sopraffatto. Abramo proveniva dalla terra di Ur. Che ai nostri giorni chiamiamo Iraq, viveva nella terra governata dal re Ur-Nammu e da tutti i suoi dei. Possiamo ancora vedere i resti dello ziggurat del 2100 a.C. che costruì in suo onore. Con questo, possiamo anche vedere il compimento della profezia biblica con le restaurazioni che sono state effettuate su questo edificio e il resto di ciò che era conosciuto come Babilonia. Ok, è stato un piccolo diversivo che lo Spirito Santo ha attraversato il sacrificio, insieme al Forno. Rappresentando Dio e il sacrificio dell'agnello, Gesù Cristo, lo Spirito Santo, passando per conto di Abramo. Quando ci muoviamo avanti vediamo in un'altra occasione il fuoco del Signore, lo Spirito Santo che si muove e protegge coloro che camminano nella Giustizia e nella Santità davanti al Signore.

Qui di nuovo vediamo nel forno nel fuoco la protezione di Dio sui Suoi servi. Il re Nabucodonosor aveva un legame speciale con Shadrach, Meshach e Abednego, e nei nostri studi siamo giunti alla conclusione che la sua rabbia era così forte sul piano che ora poteva vedere e con questo la perdita di coloro a cui teneva per i suoi amici, che il suo comando di riscaldare il forno sette volte di più non era una punizione extra ma una forma di misericordia.

Coloro che erano stati comandati di gettarli nel fuoco erano già bruciati prima di entrare nel forno. Una morte molto rapida, invece di una molto lenta e agonizzante. Tra le fiamme c'era la fiamma dell'agnello, il Messia, il Suo Spirito Santo. Miei cari amici, qui è di nuovo dove vediamo l'amore di Dio per coloro che lo amano. Che meraviglioso dono è questo Spirito Santo.

Altre due esperienze di fuoco sono nel libro dei Re che coinvolgevano uno dei miei profeti preferiti, Elia. Elia comanda al re Acab e alla sua moglie Izébel.

1 Re 18:18, 22-24a, 28-29, 31-38 (Common English Bible)

Versetto 18. Elia rispose: "Io non ho disturbato Israele; tu e la casa di tuo padre l'avete fatto! Avete fatto altrettanto quando avete disertato i comandi del Signore e avete seguito i Baal. Ora manda un messaggio e raduna tutto Israele da me sul monte Carmelo. Radunate i quattrocentocinquanta profeti di Baal e i quattrocento profeti di Asera che mangiano alla mensa di Izébel."

Versetto 22 a 24a. Elia disse al popolo: "Sono l'ultimo dei profeti del Signore, ma i profeti di Baal sono quattrocentocinquanta. Dateci due tori. Lasciate che i profeti di Baal ne scelgano uno. Lasciateli tagliare a pezzi e metterli sul legno, ma non aggiungete il fuoco. Io preparerò l'altro toro, lo metterò sul legno, ma non aggiungerò fuoco. Poi tutti voi invocherete il nome del vostro dio, e io invocherò il nome del Signore. Il dio che risponde con il fuoco, quello è il vero Dio!"

Versetto 28 e 29. Così i profeti di Baal gridarono con una voce più alta e si tagliarono con spade e coltelli come era loro costume. Il loro sangue fluiva su di loro. Passato il mezzogiorno, impazzirono nel loro rituale finché non fu tempo per l'offerta serale. Tuttavia, non c'era alcun suono o risposta, nessuna risposta del tutto.

E infine Versetto 31 a 38. Elia prese dodici pietre, secondo il numero delle tribù dei figli di Giacobbe - a cui venne la parola del Signore: "Il tuo nome sarà Israele". Costruì le pietre in un altare nel nome del Signore, e scavò un fossato intorno all'altare abbastanza grande da contenere due seah di grano secco. Dispose il legno, macellò il toro e pose il toro sul legno. "Riempite quattro giare d'acqua e versatele sul sacrificio e sul legno", comandò. "Fatelo una seconda volta!" disse. Così lo fecero una seconda volta. "Fatelo una terza volta!" E così lo fecero una terza volta. L'acqua scorreva intorno all'altare, e persino il fossato si riempiva d'acqua. Al tempo dell'offerta serale, il profeta Elia si avvicinò e pregò: "Signore, l'Iddio di Abramo, Isacco e Israele, sia noto oggi che tu sei Dio in Israele e che io sono tuo servo. Ho fatto tutte queste cose per tua istruzione. Rispondimi, Signore! Rispondimi in modo che questo popolo sappia che tu, Signore, sei il vero Dio e che puoi cambiare i loro cuori." Poi il fuoco del Signore cadde; consumò il sacrificio, il legno, le pietre e la polvere. Lick up the water in the trench!_

Il Fuoco di Dio consuma ciò che gli è stato dato, ciò che era giusto, ciò che era secondo la sua legge. Elia, tuttavia, anche dopo questa manifestazione di potenza, dubitava e aveva paura. Fuggì nel deserto. Quando Elia era a un giorno di viaggio nel deserto, si sedette sotto un albero di ginepro, si dispiacque per se stesso e desiderò di essere morto. Dicendo al Signore: "prendi la mia vita, perché non sono migliore dei miei antenati". Tuttavia, Dio non aveva certo finito con lui. Gli fornì sostentamento e gli disse di fare un viaggio di 40 giorni e 40 notti fino al monte Horeb, il monte di Dio, che ora sappiamo essere il monte Jebel el Lawz in Arabia Saudita. Qui Elia entrò nella grotta e passò la notte.

1 Re 19:9-18 (Amplified Bible)

"Lì arrivò in una grotta e vi si fermò; ed ecco, la parola del Signore gli venne e gli disse: Che fai qui, Elia? Egli rispose: Sono stato molto geloso per il Signore Dio degli eserciti; perché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, hanno distrutto i tuoi altari e ucciso i tuoi profeti con la spada. E io, io solo, sono rimasto; e cercano la mia vita, per toglierla. E [Dio] disse: Esci e fermati sul monte davanti al Signore. Ed ecco, il Signore passò, e un vento forte e impetuoso spaccò i monti e spezzò in pezzi le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento; e dopo il vento un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto; E dopo il terremoto un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco; e dopo il fuoco [un suono di dolce calma e] una voce quieta e piccola. Quando Elia udì la voce, si avvolse il volto con il suo mantello e uscì e si fermò all'ingresso della grotta. Ed ecco, gli venne una voce e disse: Che fai qui, Elia? Egli disse: Sono stato molto geloso per il Signore Dio degli eserciti, perché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, distrutto i tuoi altari e ucciso i tuoi profeti con la spada. E io, io solo, sono rimasto, e cercano la mia vita, per distruggerla. E il Signore gli disse: Va ', torna per la tua strada nel deserto di Damasco; e quando arrivi, ungi Hazael per essere re su Siria. E unge Jehu figlio di Nimshi per essere re su Israele e unge Eliseo figlio di Safat di Abel-meholah per essere profeta al tuo posto. E chiunque scampa dalla spada di Hazael, Jehu lo ucciderà, e chiunque scappa dalla spada di Jehu, Eliseo lo ucciderà. Eppure lascerò Me stesso 7.000 in Israele, tutti i ginocchi che non si sono inchinati a Baal e ogni bocca che non l'ha baciato."

Dio si è manifestato agli uomini nel fumoso forno ardente e nella torcia infuocata. Ha protetto nel fuoco e consumato con il fuoco. Dio ha mostrato la sua potenza, la sua forza attraverso tutto questo. Eppure, Elia non riusciva comunque a trovare Dio in tutto questo. Dio, tuttavia, non aveva finito con Elia, e anche mentre Elia si compiaceva di sé stesso, "guai a me, sono l'unico rimasto", Dio gli disse di tornare indietro, ungere nuovi re e un nuovo profeta, Eliseo.

Quando Elia udì questa grande parola del Signore? È stato nella quiete dopo l'esibizione di tutta la potenza e la forza della natura, che è tutta nella potenza di Dio.

Luca 23:44-46 (Amplified Bible)

"Era circa la sesta ora (mezzogiorno), e le tenebre avvolsero l'intera terra e la terra fino alla nona ora (circa le tre del pomeriggio), Mentre la luce del sole svaniva o si oscurava; e il velo [del Santo dei Santi] del tempio si squarciò in due. E Gesù, gridando con voce forte, disse: Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito! E con queste parole, spirò."

eclipse 2023 11 27 04 59 18 utc

La terra tremò, il sole scomparve e in cima a tutto ciò il velo che separava il Santo dei Santi dalle persone si squarciò in due pezzi quando Gesù diede il suo ultimo respiro. O in altre parole, quando lo Spirito Santo lasciò Gesù, la terra tremò, il sole si oscurò e il velo del tempio si spezzò in due. WOW. Che spettacolo di potenza. Oh sì, lasciami dirti che il fuoco è arrivato anche, più tardi però, ma è arrivato. La Bibbia ci insegna con il suono di un vento impetuoso e con lingue come fuoco. È stato di nuovo lo Spirito Santo a parlare attraverso le lingue degli altri, ognuno nella propria lingua.

Atti 2:1-26 (Common English Bible)

"Quando arrivò il giorno di Pentecoste, erano tutti insieme in un luogo. Improvvisamente un suono dal cielo come il mugolio di un vento feroce riempì l'intera casa dove stavano seduti. Videro quello che sembravano fiamme individuali di fuoco accendersi su ciascuno di loro. Erano tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito li abilitava a parlare. C'erano pietosi giudei da ogni nazione sotto il cielo che vivevano a Gerusalemme. Quando sentirono questo suono, si radunò una folla. Erano confusi perché tutti li sentivano parlare nelle loro lingue native. Erano sorpresi e stupiti, dicendo: Guarda, non sono tutti quelli che parlano galilei, ognuno di loro? Come possiamo allora sentirli parlare nella nostra lingua nativa? Parti, Medi e Elamiti; così come residenti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadocia, del Ponto e dell'Asia, della Frigia e della Panfilia, d'Egitto e delle regioni di Libia che confinano con la Cirenaica; e visitatori da Roma (sia ebrei che convertiti al giudaismo), cretesi e arabi - li sentiamo dichiarare le opere potenti di Dio nelle nostre stesse lingue! Erano tutti sorpresi e confusi. Alcuni si chiedevano l'un l'altro: Che significa questo? Altri li deridevano, dicendo: Sono pieni di nuovo vino! Pietro stava con gli altri undici apostoli. Alzò la voce e dichiarò: Giudei e tutti quelli che vivono a Gerusalemme! Sappi questo! Ascolta attentamente le mie parole! Queste persone non sono ubriache, come sospettate; dopo tutto, sono solo le nove del mattino! Piuttosto, questo è ciò che è stato parlato attraverso il profeta Gioele: Negli ultimi giorni, Dio dice, verserò il mio Spirito su tutte le persone. I tuoi figli e le tue figlie profeteranno. I tuoi giovani vedranno visioni. I tuoi anziani sogni. Anche sui miei servi, uomini e donne, verserò il mio Spirito in quei giorni, e profeteranno. Farò accadere meraviglie nei cieli sopra e segni sulla terra sotto, sangue e fuoco e una nuvola di fumo. Il sole sarà cambiato in tenebre e la luna sarà cambiata in sangue, prima che venga il grande e spettacolare giorno del Signore. E chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato."

Lo abbiamo visto nelle Scritture, Dio si presenterà e può presentarsi in tutte le situazioni e in tutte le circostanze. Quello che dobbiamo fare è essere disposti ad imparare a capire i suoi modi. Dio ci ha dato questo grande e meraviglioso libro pieno di risposte a tutte le nostre domande. Centinaia e migliaia di studiosi hanno ricevuto insight dallo Spirito Santo e ne hanno scritto.

Dio ci ha dato uno spirito di discernimento per dare un senso a tutto questo e, soprattutto, ci ha dato lo Spirito Santo per guidare, questo consigliere, aiutante, intercessore, avvocato, rafforzatore e sostegno in modo che potessimo imparare, crescere e resistere, anche dire le parole giuste al momento giusto. Molte volte noi cristiani stiamo aspettando il fuoco, molte volte ci aspettiamo l'effusione nella nostra chiesa, con potenza e con molta teatralità.

Ma prego che oggi abbiamo imparato che il Fuoco dello Spirito Santo è entrato nel tuo cuore e che, come Elia, a volte dobbiamo rimanere fuori, guardare tutti i fuochi d'artificio e poi, quando abbiamo finito di guardare, camminare, parlare e aspettarci, abbiamo veramente i nostri cuori aperti per sentire Dio parlare attraverso il suo Santo Spirito. Come Abramo, lasciare che Dio consumi il nostro passato, il nostro presente e il nostro futuro nel forno del fuoco del rifina. E come Daniele e i suoi amici essere infuocati, nello spirito e nel fuoco con lo Spirito Santo di Dio. È Lui che ci guida, ci consiglia e ci aiuta su questa autostrada attraverso il deserto su cui stiamo camminando insieme. Un sentiero retto, Autostrada uno, l'unico retto attraverso la croce e l'alleanza con Gesù Cristo nella Nuova Gerusalemme. Assicurati che quest'anno invitiamo, facciamo unire e riuniamo coloro che stanno cercando una spalla e un compagno per camminare su questa Autostrada del nostro Dio.

Amen.

Sermon Notes by Pastor Christiaan J. de Ruiter are licensed under CC BY-NC-SA 4.0

 

Nota: Il contenuto fornito qui rappresenta gli appunti fondamentali per un sermone o un insegnamento, e non deve essere frainteso come una trascrizione completa o un sermone completamente articolato.

È nostra profonda convinzione che lo Spirito Santo operi attraverso il predicatore, guidando e ispirando la consegna per risuonare con le necessità e le convinzioni della congregazione.

Queste note di solito formano la base per un sermone o un insegnamento di 30 a 45 minuti, permettendo alla guida dello Spirito Santo di modellare il messaggio specifico e l'applicazione ai credenti radunati. L'essenza di questi insegnamenti non è solo nelle parole scritte, ma nella consegna ispirata e nella connessione con la congregazione, guidata dallo Spirito.

 

 

 

Categoria: Teologia italiana
Read Time: 15 mins
Visite: 92

Thinking

Fedele con Poco

Quante volte avete sentito la frase, "un penny per i tuoi pensieri"? Specialmente nei miei giorni più giovani, mi trovavo spesso immerso nel mio piccolo mondo. Eppure, avete mai riflettuto sul vero significato di un penny? Indipendentemente dal fatto che sia una piccola quantità o una somma sostanziale, ciò che è cruciale è come gestiamo ciò che ci è affidato.

Il messaggio di oggi sulla gestione e sui magazzini celesti trova le sue fondamenta in una specifica narrazione biblica. Esploriamo Luca 16:1-13 dalla Bibbia Amplificata, dove Gesù narra la storia di un uomo ricco e del suo amministratore di proprietà, che è stato accusato di sperperare i beni del suo padrone. L'uomo ricco richiede un rendiconto all'amministratore, portando a un astuto piano dell'amministratore per assicurare il suo futuro riducendo i debiti dovuti al suo padrone. In modo intrigante, il padrone loda l'amministratore per la sua astuzia. Attraverso questa parabola, Gesù impartisce lezioni sull'importanza di essere fedeli nelle piccole cose e sull'impossibilità di servire due padroni - Dio e la ricchezza.

"Anche [Gesù] disse ai discepoli, C'era un certo uomo ricco che aveva un amministratore della sua proprietà, e accuse [contro quest'uomo] gli furono portate, che stava sperperando le sue [del padrone] proprietà. E lo chiamò e gli disse, Che cos'è questo che sento di te? Rendi conto della tua gestione [dei miei affari], perché non puoi più essere [mio] amministratore. E l'amministratore della proprietà disse a se stesso, Che cosa farò, vedendo che il mio padrone sta togliendo la gestione da me? Non sono in grado di scavare, e mi vergogno di mendicare. Ho capito cosa farò, affinché loro [i debitori del mio padrone] possano accettarmi e accogliermi nelle loro case quando sarò tolto dalla gestione. Così convocò i debitori del suo padrone uno per uno, e disse al primo, Quanto devi al mio padrone? Disse, Cento misure [circa 900 galloni] di olio. E gli disse, Riprendi il tuo riconoscimento scritto di obbligo, e siediti in fretta e scrivi cinquanta [circa 450 galloni]. Dopo di ciò disse a un altro, E quanto devi? Disse, Cento misure [circa 900 staia] di grano. Gli disse, Riprendi il tuo riconoscimento scritto di obbligo, e scrivi ottanta [circa 700 staia]. E [il suo] padrone lodò l'amministratore disonesto (ingiusto) per aver agito astutamente e prudentemente; perché i figli di quest'epoca sono più astuti e più prudenti e saggi in [relazione a] la loro generazione [alla loro età e tipo] di quanto non lo siano i figli della luce. E vi dico, fatevi amici per mezzo del mammona ingiusto (ricchezze ingannevoli, denaro, possedimenti), affinché quando fallisce, loro [quelli che avete favorito] possano ricevervi e accogliervi nelle dimore eterne (abitazioni). Chi è fedele in una cosa molto piccola è fedele anche in molto, e chi è disonesto e ingiusto in una cosa molto piccola è disonesto e ingiusto anche in molto. Pertanto, se non siete stati fedeli nel [caso del] mammona ingiusto (ricchezze ingannevoli, denaro, possedimenti), chi vi affiderà le vere ricchezze? E se non siete stati fedeli in ciò che appartiene a un altro [sia Dio o uomo], chi vi darà ciò che è vostro [cioè, le vere ricchezze]? Nessun servo può servire due padroni; perché o odierà l'uno e amerà l'altro, o si atterrà e sarà devoto all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e mammona (ricchezze, o qualsiasi cosa in cui confidate e su cui vi affidate)."

Questa parabola rivela diverse verità profonde. Prima, sfida la nostra capacità di gestire maggiori responsabilità se vacilliamo nella gestione di quelle più piccole. Seconda, sottolinea l'impossibilità di servire due padroni con uguale devozione. Terza, come illustrato anche nella parabola dei talenti, enfatizza il nostro ruolo di amministratori di ciò che possediamo, poiché tutto appartiene in ultima analisi a Dio.

La narrazione suggerisce che le connessioni e le risorse terrene hanno poco valore se non riusciamo ad essere buoni amministratori degli importi modesti che Dio ci affida. Come, quindi, può fidarsi di noi con le ricchezze del cielo? La cattiva gestione e il mancato rendimento atteso possono effettivamente essere visti come una forma di furto. Fare affidamento sulle nostre proprie ricchezze porta a un futuro incerto.

Riflettiamo su alcuni proverbi illuminanti, che raccomando vivamente per la loro saggezza.

Proverbi 3:9-10 (KJV) ci istruisce ad onorare il Signore con la nostra sostanza, promettendo in cambio abbondanti benedizioni.

"Onora il Signore con la tua sostanza, e con le primizie di tutto il tuo aumento: Così le tue granai saranno riempite di abbondanza, e i tuoi torchi scoppieranno di vino nuovo."

Proverbi 10:2-3 (AMP) contrappone l'inutilità delle ricchezze mal acquisite con il potere salvifico della rettitudine.

"I tesori della malvagità non giovano a nulla, ma la rettitudine (rettitudine morale e spirituale in ogni area e relazione) libera dalla morte. Il Signore non permetterà che i [intransigentemente] giusti abbiano fame, ma ostacola il desiderio dei malvagi."

Proverbi 15:6 (AMP) parla del grande tesoro nella casa del giusto, mentre Proverbi 18:10-12 (KJV) contrappone la sicurezza trovata nel Signore con la sicurezza ingannevole della ricchezza.

"Nella casa del [intransigentemente] giusto c'è un grande [inestimabile] tesoro, ma con il reddito del malvagio c'è guai e vessazione. Il nome del Signore è una torre forte: il giusto vi corre dentro e è al sicuro. La ricchezza dell'uomo ricco è la sua città forte, e come un muro alto nella sua stessa presunzione. Prima della distruzione il cuore dell'uomo è orgoglioso, e prima dell'onore c'è l'umiltà."

Queste Scritture sottolineano l'importanza dell'obbedienza a Dio e di essere eccellenti amministratori. Una buona amministrazione comporta prendere possesso di ciò che ci è affidato, trattandolo come se fosse nostro. Riflettendo sulla nostra Scrittura tema da Luca 16, ci rendiamo conto counting the pennies 2023 11 27 04 51 13 utcche il tempo è uno dei beni più preziosi affidati a noi. Anche un minuto, apparentemente insignificante come un penny, si somma nel corso di una vita. La speranza di vita media americana è di 76 anni, e se iniziamo a prendere decisioni consapevoli per Cristo a 16 anni, abbiamo 60 anni di servizio. Consideriamo l'impatto cumulativo di come trascorriamo ogni minuto della nostra giornata.

Diamo un'occhiata più da vicino, come detto a 16 anni siamo abbastanza grandi per guidare, quindi prendiamo questa età per prendere una decisione onesta per Cristo che ci dà 60 anni al Suo servizio. In un giorno perdiamo circa 4 ore al giorno, dormiamo 8 ore e abbiamo 12 ore di produttività o semi produttività.

Un minuto qui e un minuto là in quelle dodici ore sono 720 minuti in 12 ore. Ciò equivale a 262.800 minuti all'anno quindi 60 anni sono 15.768.000 minuti. oh sì, ho quasi dimenticato, in 60 anni abbiamo 15 anni bisestili, che aggiungono altri 15 giorni, quindi in totale sono 15.778.800 minuti, o? ,,, diremmo solo un penny.

Luca 16:11 (CEB) ci mette alla prova: Se non siamo fedeli con le ricchezze mondane, chi ci affiderà le vere ricchezze? Dio, che esiste al di fuori dei nostri vincoli temporali, vede il nostro pieno potenziale. Siamo di inestimabile valore per Lui, ben oltre il semplice valore monetario.

"Se non sei stato fedele con le ricchezze mondane, chi ti affiderà le vere ricchezze?"

Il nostro Dio, nella Sua onnipotenza, trascende i confini del tempo umano. È intimamente familiare con ogni momento della nostra vita, dall'istante della nostra nascita all'inevitabilità della nostra morte. È l'Alfa e l'Omega, incarnando sia l'inizio che la fine. Agli occhi di Dio, il nostro valore supera di gran lunga la banalità di un semplice penny. Egli non ci percepisce come ci percepiamo noi stessi, limitati e insignificanti, ma nella pienezza del nostro vero potenziale. Per Lui, siamo infinitamente più preziosi di una semplice collezione di monete, sia che si tratti di 15.778.800 penny o anche di un miliardo. Il nostro valore, nella Sua stima divina, è immisurabile e incomparabile, superando di gran lunga qualsiasi tesoro terreno.

Matteo 10:28-33 (CEB) ci ricorda di non temere coloro che possono danneggiare il corpo ma non possono toccare l'anima. Invece, dovremmo riverire Dio, che si prende cura di noi profondamente, valutandoci più di molti passeri. Riconoscere Cristo davanti agli altri assicura il Suo riconoscimento di noi davanti al Padre.

"Non abbiate paura di coloro che uccidono il corpo ma non possono uccidere l'anima. Invece, abbiate paura di colui che può distruggere sia il corpo che l'anima nell'inferno. Non vengono venduti due passeri per una piccola moneta? Ma nessuno di loro cadrà a terra senza che il Padre vostro lo sappia già. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura. Voi valete più di molti passeri. Pertanto, chiunque mi riconosce davanti alle persone, anch'io lo riconoscerò davanti a mio Padre che è nei cieli. Ma chiunque mi nega davanti alle persone, anch'io lo negherò davanti a mio Padre che è nei cieli."

Essere buoni amministratori dei doni di Dio – il nostro tempo, i nostri talenti e le nostre vite – apre le ricchezze celesti. I profeti lo hanno dichiarato, e Dio lo riafferma ripetutamente. Il tempo speso per Dio, il lavoro al Suo servizio e l'amore condiviso con gli altri sono investimenti nei tesori celesti. I dividendi appartengono al Signore, e quando ne abbiamo bisogno, Lui aprirà i magazzini del cielo per inondarci di benedizioni. Malachia 3:10-11 (CEB) e Deuteronomio 28:12 (KJV) fanno eco a questa promessa, invitandoci a mettere alla prova la fedeltà di Dio.

"Portate l'intera decima parte alla casa del tesoro affinché ci possa essere cibo nella mia casa. Testatemi in questo, dice il Signore delle forze celesti. Vedete se non apro tutte le finestre dei cieli per voi e svuoto una benedizione fino a quando non ce n'è abbastanza. Minaccerò colui che vuole divorarvi affinché non rovini il frutto della vostra terra fertile, e affinché la vite non abortisca il suo frutto nel vostro campo, dice il Signore delle forze celesti. Il Signore aprirà per te il suo buon tesoro, il cielo per dare la pioggia alla tua terra nella sua stagione, e per benedire tutto il lavoro della tua mano: e presterai a molte nazioni, e tu non prenderai in prestito."

La Common English Bible ha tradotto il versetto 10 di Malachia 3 con la frase, Testatemi in questo. Il nostro Dio è un Dio impressionante, e ha posto questa sfida davanti a noi. Mi fido abbastanza di Lui da tagliare le carte di credito, per liberarmi di tutti i debiti e per non prenderne più? Ci ha già dato così tanto, i nostri talenti, il nostro tempo, lo mettiamo alla prova su questo?

First Lady Wilma ed io abbiamo intrapreso un viaggio di fede, testando continuamente le promesse del Signore. Tuttavia, ci ritroviamo spesso a tornare alle vecchie abitudini. La nostra società contemporanea si è allontanata dal principio divino di accumulare ricchezze attraverso il risparmio e il dono; ora si inclina pesantemente verso l'accumulo di ricchezze attraverso il prestito. Questo solleva una domanda pertinente: chi trae davvero beneficio da questo sistema? È l'individuo, o sono le società di carte di credito a raccogliere i profitti?

Infatti, come ho menzionato in precedenza, le nostre prove hanno rivelato la fedeltà incrollabile di Dio. I magazzini del cielo si sono aperti in risposta alla nostra fede. Tuttavia, riconosciamo la nostra fragilità umana e la necessità di una preghiera persistente per rafforzare la nostra risoluzione. Il nostro obiettivo finale è di porre la nostra completa fiducia nel Signore, dedicando una parte di tutto ciò che abbiamo – il nostro tempo, il nostro lavoro e le nostre finanze – come una decima a Lui. Questa aspirazione è elevata e difficile da raggiungere. Siamo lontani dal raggiungere questo obiettivo, ma siamo impegnati a sforzarci di fare di più, di fare meglio. Non vedo l'ora di assistere all'apertura delle porte del magazzino del cielo per noi. E voi? Siete pronti a vivere il miracolo che anche un minuto del vostro tempo, un piccolo atto di donazione, può portare?

Propongo una sfida: se possedete quattro carte di credito, concentratevi sul pagare una e poi tagliatela. Se siete abituati a pagare 100 dollari al mese su una carta, reindirizzate 50 dollari di quell'importo nei risparmi e allocate i restanti 50 dollari per pagare la carta successiva. Dai vostri risparmi, dedicate il 10% a Dio – non solo perché la chiesa ne ha bisogno, ma come gesto di gratitudine per le Sue benedizioni. Continuate questo processo, creando un effetto valanga, fino a quando tutti i vostri debiti saranno cancellati. Rimarrete stupiti di trovarvi con più libertà finanziaria che mai prima d'ora. E facendo ciò, Dio vi benedirà, perché il vostro focus è sul Suo piano, non solo sul guadagno mondano.

Questa strategia non è un'idea capricciosa; si allinea con il piano di Dio per le nostre vite, insegnandoci ad essere saggi amministratori delle risorse che Egli ci ha affidato. Il nostro viaggio è segnato sia dalla crescita che dai contrattempi, ma sono fiducioso che con la guida del Signore, alla fine avremo successo.

Dio conosce ciascuno di noi intimamente; comprende i nostri cuori. Quando ci impegniamo con tutto il cuore sul Suo cammino, Egli riconosce questo impegno e ci benedice di conseguenza. Questo cammino non è una scorciatoia verso la ricchezza, ma un lungo viaggio verso il recupero – il recupero dal pensiero negativo, dalla cattiva gestione dei nostri talenti, del nostro tempo e delle nostre finanze. Partecipare al programma di recupero di Dio è impegnativo, ma le ricompense sono profonde e durature.

L'apostolo Giovanni ha catturato l'essenza di questo viaggio nelle parole di Gesù, ricordandoci lo scopo più profondo e il valore eterno dei nostri sforzi.

Giovanni 6:26-29 (AMP) registra le parole di Gesù sul cercare Lui non per benefici materiali ma per il sostentamento eterno che offre. Credere in Lui e fidarsi della Sua parola porta a una realizzazione che non delude mai.

"Gesù rispose loro, Vi assicuro, vi dico solennemente, mi avete cercato, non perché avete visto miracoli e segni, ma perché siete stati nutriti con i pani e siete stati sazi e soddisfatti. Smettete di faticare e fare e produrre per il cibo che perisce e si decompone [nell'uso], ma sforzatevi e lavorate e producete piuttosto per il [duraturo] cibo che dura [continuamente] fino alla vita eterna; il Figlio dell'Uomo vi darà (fornirà) quello, perché Dio Padre l'ha autorizzato e certificato e ha messo il Suo sigillo di approvazione su di Lui. Allora dissero, Cosa dobbiamo fare, affinché possiamo [abitudinariamente] lavorare le opere di Dio? [Cosa dobbiamo fare per eseguire ciò che Dio richiede?] Gesù rispose, Questo è il lavoro (servizio) che Dio vi chiede: che crediate in Colui che Egli ha inviato [che vi atteniate a, abbiate fiducia in, vi affidiate a, e abbiate fede nel Suo Messaggero]."

In conclusione, essere un buon amministratore di ciò che Dio ci ha dato è un viaggio di crescita, fiducia e obbedienza. Si tratta di gestire saggiamente le nostre risorse, non per una gratificazione immediata, ma per ricompense eterne. Abbracciamo questa sfida, fidandoci nel piano di Dio e nella Sua provvidenza infallibile.

Amen.

Categoria: Teologia italiana
Read Time: 2 mins
Visite: 118

Supersessionismo, Una Complessa Visione Teologica

Contesto Storico

Storicamente, il cristianesimo ha insegnato il supersessionismo, spesso chiamato teologia della sostituzione. Questa visione implica o dichiara esplicitamente che il cristianesimo ha soppiantato l'ebraismo e che l'Alleanza Mosaica dell'Antico Testamento ebraico è stata soppiantata dalla Nuova Alleanza in Gesù Cristo. Questa Nuova Alleanza ruota attorno alla salvezza per grazia di Dio, piuttosto che attraverso l'adesione rigorosa alla Torah. Un complemento comune a questa credenza è l'idea che lo stato di "popolo eletto di Dio" sia passato dalla comunità ebraica alla Chiesa cristiana.

Riflessioni Personali e Approfondimenti Scritturali

È importante notare che non posso identificarmi con questa credenza. Nonostante Israele abbia rifiutato Gesù, non ha perso il suo status di popolo eletto di Dio. Dio, nella sua natura sovrana, non cambia né si contraddice. Questa convinzione trova riscontro nelle parole di Gesù, come registrate nei Vangeli e negli scritti di Paolo.

Matteo 5:17 (AMP) afferma:

"Non pensate ch'io sia venuto ad abolire la legge o i profeti; non son venuto ad abolirli, ma a compierli."

Inoltre, Romani 11:29 (AMP) conferma:

"Poiché i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili. [Egli non li ritira mai una volta che sono dati, e non cambia idea su coloro ai quali concede la sua grazia, o a coloro ai quali invia la sua chiamata.]"

L'Alleanza Mosaica, Continuità e Trasformazione

Il cuore del supersessionismo, in cui l'Alleanza Mosaica viene presumibilmente annullata, riceve un accordo variabile. Sebbene l'osservanza dei comandamenti di Dio possa variare tra i credenti, molte di queste leggi continuano ad essere seguite, incluso il rispetto del Sabato, alcune delle leggi alimentari (kashrut), e l'osservanza di altri giorni santi.

Gesù, L'Adempimento della Legge

Gesù Cristo ha aperto una via a Dio attraverso la grazia, accessibile sia agli Ebrei che ai Gentili. La legge, come è intesa nel giudaismo tradizionale, non offre un percorso diretto verso il cielo, soprattutto considerando la complessità e le sfide nel mantenere un'obbedienza perfetta nel nostro mondo moderno. Ciò conduce alle parole profonde di Gesù, dove ha dichiarato:

Giovanni 14:6 AMP

"Gesù gli disse: Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me."

Conclusione

Il supersessionismo, sebbene storicamente influente nel cristianesimo, è un argomento complesso e sfumato. Attraverso una connessione personale con l'insegnamento di Gesù Cristo, possiamo apprezzare l'importanza persistente della tradizione ebraica, riconoscendo che la salvezza per grazia di Cristo si estende a tutti. Questo atteggiamento favorisce una comprensione più profonda del legame spirituale tra cristianesimo ed ebraismo e un riconoscimento dell'intemporalità delle promesse e delle alleanze di Dio. Apre un dialogo tra le tradizioni di fede e riconosce il valore intrinseco e la continuità della rivelazione di Dio nel tempo.

Pagina 1 di 3

Note: EWCMI does not underwrite, support, and does not receive any payment from the advertisements at TuneIn.

Privacy Policy

GDPR Privacy Policy

(c) EWCMI 2009-2023 Terms of Use
All Donations, Seeds, and Tithes to Eagle Wings Charismatic Ministries International are tax deductible per the Internal Revenue Code 501(c)(3) Public Charity Status 170(b)(1)(A)(i) DLN 17053243329039
  Site Seal

Login